Il riassetto della Camfin è partito ufficialmente il 12 agosto con appunto l’Opa Camfin, ma solo per quanto riguarda la prima fase perché il processo di riorganizzazione interna sarà più complesso e lungo di quanto si possa dedurre. Questo si realizzerà in due direzioni, in primis con il taglio alla catena di controllo del gruppo, per poi procedere con gli assetti proprietari della Pirelli. Ai vertici, esclusa dalla corsa la famiglia Malacalza, le 5 società appartenenti a Tronchetti Provera e alleati, la Mgpm, la Marco Tronchetti Provera Spa, la Gpi, Nuove Partecipazioni e la Mtp partecipazioni.

Subito dopo si trova la newco Lauro 61, così ripartita, 54% controllato da Nuove Partecipazioni, 23% dal fondo Clessidra, 10,7% ciascuno da Unicredit e Intesa Sanpaolo. Questo veicolo detiene il 60,99% di Camfin che ha a sua volta il 26,2% in Pirelli, come in un gioco di scatole cinesi. Sembra essere scontata dopo l’Opa la fusione tra Camfin e Lauro 61. Non si escludono però ulteriori fusioni tr le altre aziende di Tronchetti Provera.

Il nuovo statuto di Camfin vede in sella ancora Marco Tronchetti Provera fino al 2017, dopo tale data dovrebbe passare in consegna la leadership al fondo Clessidra di Claudio Sposito. I patti sociali, che erano stati siglati il 4 giugno 2013 prevedevano inoltre che in caso di fusione con Lauro 61 e dunque con la creazione della Nuova Camfin su 15 membri della Bicocca 6 sarebbero stati di Nuove Partecipazioni con Tronchetti Provera come Presidente e amministratore delegato, 4 invece sarebbero stati di Lauro 54, cioè Clessidra.

Dal momento dell’adozione del nuovo statuto di Camfin sarebbero dovuti trascorrere poi solo 3 anni più uno di proroga trascorsi i quali, appunto Tronchetti Proverà dovrà passare il testimone. Un nuovo assetto che dovrebbe garantire un iter più snello, ma anche un controllo più semplice da parte del Cda. Con la fine dell’Opa prevista per il 13 settembre del 2013 si avranno ulteriori sviluppi del caso Opa Camfin.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>